TECNOLOGIA BRELM®

L'ananas:

Un'introduzione alle sue proprietà e benefici

L’ananas, originario del Sudamerica, è un frutto che ha fatto la sua comparsa in Europa all’inizio del XVI secolo. La varietà più diffusa a livello mondiale è l’Ananas Comosus L.

Le proprietà dell’ananas sono dovute principalmente alla presenza del suo principio attivo distintivo: la Bromelina, che si trova ampiamente nel midollo legnoso del frutto, chiamato “stipite”.

L’azione della Bromelina si manifesta attraverso la riduzione degli stati infiammatori, con:

  • Inibizione della produzione di molecole che favoriscono l’infiammazione.
  • Aumento del tono vascolare e riduzione della permeabilità del microcircolo.

Inoltre, sembra in grado di rompere i micronuclei nella fase fibrosa della cellulite, facilitando il drenaggio di liquidi e tossine nel microcircolo.

Le principali azioni dell’ananas sono quindi a livello della depurazione, del miglioramento del microcircolo e dei processi digestivi.

La Depurazione:

Benefici e Azioni dell'Ananas

Le diete improvvisate, spesso squilibrate e a base di prodotti troppo raffinati, unite a un ambiente sempre meno salùbre, possono appesantire le vie metaboliche e depurative, causando disagi come senso di pesantezza, ristagno idrico, cellulite, gonfiore addominale e sensazione di gambe pesanti.

Depurare significa liberare l’organismo da tutto ciò che è indesiderato, aiutandolo a ripristinare le normali vie di eliminazione delle sostanze nocive.

In particolare, l’ananas apporta notevoli benefici grazie alla sua azione diuretica, che favorisce il drenaggio dei liquidi corporei, ovvero l’eliminazione dell’acqua e dei metaboliti attraverso l’apparato renale. 

Depurare significa anche mantenere una corretta circolazione dei liquidi corporei, specialmente nelle zone periferiche, per evitare ristagni, e la conseguente stasi dei liquidi principale causa di infiammazione, stress ossidativo e accumulo di scorie metaboliche, che a loro volta possono causare edemi e cellulite. Una migliore circolazione permette di avere gambe meno affaticate e meno sensibili al tatto, nonché fianchi, cosce e glutei con meno inestetismi.

Il Microcircolo:

Struttura e Funzioni

Il microcircolo comprende i vasi sanguigni di piccolo calibro, come capillari, venule e arteriole. I capillari, in particolare, sono dove il flusso sanguigno rallenta notevolmente, Nei capillari il flusso sanguigno subisce un notevole rallentamento, permettendo lo scambio di ossigeno, nutrienti e ormoni con i tessuti e, contemporaneamente, l’eliminazione delle scorie metaboliche. Il microcircolo include anche i capillari linfatici, che drenano il liquido interstiziale dalle cellule.

Se l’equilibrio delicato degli scambi nutritivi, del drenaggio dei liquidi e delle scorie metaboliche viene compromesso, si verifica una stasi dei liquidi che porta a gonfiore e ritenzione idrica.

Diversi fattori contribuiscono a questi disturbi, come la postura eretta o seduta prolungata, l’uso di scarpe con tacco, il caldo, gli ormoni femminili che causano vasodilatazione, e un’alimentazione ricca di grassi e zuccheri.

La cellulite e il microcircolo sono strettamente correlati: le alterazioni del microcircolo sono la principale causa della cellulite, che a sua volta provoca infiammazione e peggioramento della circolazione. La cellulite, o pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica, è un’alterazione del tessuto adiposo dell’ipoderma, influenzata da fattori come ormoni, sesso, età, stress e cattive abitudini alimentari.

La cellulite evolve attraverso diversi stadi:

  • Nello stadio 1 (Edematoso), si verifica un’iniziale alterazione della microcircolazione con aumento della permeabilità dei vasi e accumulo di plasma negli spazi interstiziali. Questo stato è reversibile.
  • Nello stadio 2 (Edematoso), si verifica un ulteriore ristagno di liquidi e tossine.
  • Nello stadio 3 (Fibroso), si formano micronoduli di fibre di collagene disorganizzate che ostacolano gli scambi metabolici e danneggiano il tessuto connettivo del derma, dando alla pelle un aspetto a “buccia d’arancia”.
  • Nello stadio 4 (Sclerotico), i micronoduli si uniscono e diventano palpabili; il tessuto connettivo si ispessisce in risposta all’infiammazione. L’aspetto a “buccia d’arancia” è molto evidente, e questo stadio è considerato irreversibile.

La Bromelina è efficace nel trattamento estetico della cellulite poiché contrasta la ritenzione idrica con la sua azione antinfiammatoria e anti-edematosa edemigena. migliorando la tonicità e l’aspetto della pelle.

La Digestione:

Processo e Ruolo della Bromelina

La digestione è il processo attraverso il quale gli alimenti vengono trasformati in sostanze più semplici, pronte per essere assorbite e utilizzate dall’organismo.

Durante la digestione, il corpo assorbe i nutrienti utili e elimina i componenti non assimilabili. Sin dalle prime fasi della digestione, intervengono diversi enzimi responsabili della scomposizione delle grandi molecole.

I processi digestivi variano a seconda del tipo di molecole coinvolte (carboidrati, lipidi, proteine) e coinvolgono specifiche classi enzimatiche. Ad esempio, la digestione dei carboidrati richiede l’azione dell’amilasi per scomporre le catene polimeriche, quella dei lipidi avviene principalmente tramite le lipasi e quella delle proteine attraverso le proteasi.

La Bromelina favorisce la digestione grazie alla sua attività proteolitica; ciò significa che è in grado di scomporre le catene di amminoacidi favorendone l’assorbimento. Assunta durante i pasti, supporta efficacemente la funzione digestiva.

Cos’è BRELM®?

BRELM® è un granulato composto da Bromelina, gomme e amminoacidi con funzione tampone.

Il processo di granulazione, rivestendo la Bromelina, la protegge dalla degradazione in ambiente acido, e la presenza di istidina, amminoacido tampone, ne prolunga l'emivita.

BRELM® è così in grado di conservare l'attività dell'enzima fino a 6 ore.

Test in vitro

L’attività di BRELM® è stata testata in vitro mediante saggio enzimatico su emoglobina. Il test è stato condotto simulando il pH gastrico (pH=2) e intestinale (pH=6).

I risultati del saggio sono mostrati nei grafici sottostanti.

 

A pH=2, il granulato di Bromelina (BRELM®) mostra un’attività superiore rispetto alla Bromelina pura. Inoltre, l’andamento dell’attività nel tempo è diverso tra i due: mentre la bromelina pura presenta un andamento a gaussiana, con un lieve aumento dell’attività a 3 ore di incubazione seguito da un rapido declino fino alla sesta ora, il prodotto BRELM® mostra un’attività che aumenta rapidamente fino a 1 ora, per poi stabilizzarsi fino alla sesta ora.

A pH acido, la Bromelina tende a autodigerirsi nel tempo, spiegando il declino dell’attività e del titolo della bromelina pura (controllo). Allo stesso tempo, ciò può indicare la capacità del formulato di proteggere la Bromelina dall’autodigestione.

In termini semplici, si può dire che, a parità di attività iniziale, BRELM® è da 3 a 20 volte più attivo nel tempo rispetto alla Bromelina libera.

BRELM® ha dimostrato la sua azione protettiva anche a pH più prossimi alla neutralità (pH=6)

Infatti, mentre la bromelina libera azzera la sua attività già dopo 3 ore, BRELM® ne protegge l’azione fino a 6 ore. 

In termini semplici BRELM®, sia a pH acido sia a pH prossimo alla neutralità, conserva l’attività fino a 20 volte in più rispetto al controllo. 

Riassumendo, BRELM®:

  • Conserva l’attività enzimatica della Bromelina, prolungandone l’emivita.
  • Protegge la Bromelina dalla denaturazione.
  • Potenzia l’attività della Bromelina.

RICHIEDI UN CAMPIONE GRATUITO

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D. Lgs. 196/2003 e all’art. 13 del Regolamento UE 2016/679. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.

    Via Monte Baldo, 6 - 37069 Villafranca di Verona
    tel +39 045 9617967
    commerciale@ipingredients.com

    IP Ingredients – Piva 04713350231 – Politica AziendaleCookiePrivacyInformativa Privacy clienti e fornitori